La cattedrale di Lucera tra virtuale e leggende

La basilica cattedrale di Lucera, consacrata agli inizi del 1300, è stata oggetto recentemente di una ricostruzione virtuale ed è possibile visualizzarla grazie al software Google Earth (o dal plugin di Google Maps direttamente nel browser). Stessa sorte è toccata alla Porta di Troia e si spera che presto si possa vedere l’intera città ricostruita per permettere anche a chi fosse lontano di saggiare, seppur virtualmente, la bellezza di Lucera.

La cattedrale ricostruita virtualmente per Google Earth

Le leggende che si susseguono sul monumento sono molteplici, in particolare la più famosa è quella che sarebbe sorta sui resti della moschea della Luceria Saracenorum (il blog se ne è occupato con un piccolo contributo tempo fa). Questa volta vogliamo portare uno spunto di riflessione su ciò che “non si vede” ma che si percepisce della magnifica chiesa intitolata a Santa Maria. Ci stiamo riferendo alla cripta, abbandonata e chiusa secoli fa e ricoperta di terra. I motivi di questa scelta non sono per nulla chiari e soprattutto racconti popolari parlano di cunicoli, altari e resti umani affioranti. Inoltre recenti lavori che hanno interessato la sagrestia hanno portato alla luce delle sepolture ed un tratto di strada romana. Che sia arrivato finalmente il momento di ridare luce anche a questo angolo di storia così importante per la nostra città? Ovviamente con le massime cautele del caso, perchè se ci fosse qualcosa di prezioso o inestimabile sarebbe compito di tecnici e specialisti poterli donare alla città.

La misteriosa entrata della cripta di Lucera. Cosa contiene?

Alessandro De Troia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Login with Facebook:
Login