Replica del FAI con lettera alla soprintendenza sulla fortezza

Sul sito ufficiale del Fondo Ambiente Italia è apparso un articolo nella sezione SOS – Emergenza Paesaggio in cui la fondazione dice di “inviato una lettera al Direttore Regionale chiedendo di ottenere ulteriori informazioni in merito al progetto “Terre e torri del Puer Apuliae” ” senza però aver avuto risposta. Inoltre aggiungono che “ad oggi il castello è fortemente minacciato dall’instabilità strutturale, dalla fragilità della cinta muraria e dall’incuria”. Insomma, dopo le proteste scatenate a seguito della pubblicazione dei luoghi del cuore che riceveranno attenzioni dal FAI, in cui non compariva la fortezza di Lucera, e dopo le dichiarazioni del Capo delegazione FAI di Foggia Marialuisa d’Ippolito secondo cui il FAI nazionale sta valutando “in assoluta serenità e correttezza, ma con grande attenzione , quale strada percorrere per riportare l’attenzione sia della Sovrintenza che del vostro Ente comunale, in periodico precariato, sul Castello. Il Fai, come per gli Eremi e per tutti i beni del censimento interviene in comproduzione con gli enti territoriali”, il maniero angioino ritorna prepotentemente al centro del dibattito cittadino. Ci auguriamo che il prima possibile alle parole seguano i fatti, e che le emergenze riguardanti la solidità del versante collinare nonchè la precarietà delle mura vengano risolte.

Alessandro De Troia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Login with Facebook:
Login