Castelli, Cattedrali e Monasteri nella Daunia del XIII e XIV secolo. Il contributo delle ultime ricerche storiche ed archeologiche

Si ritorna a respirare “aria di cultura” in Capitanata!

“Castelli, Cattedrali e Monasteri nella Daunia del XIII e XIV secolo. Il contributo delle ultime ricerche storiche ed archeologiche”: il prossimo  4 e 5 marzo, nell’ambito delle manifestazione per  il 25° anniversario della Diocesi Lucera-Troia, in sinergia con il Centro Operativo per l’Archeologia della Daunia di Foggia, è stato organizzato un convegno suddiviso in due giornate di studio, una manifestazione di rilevante interesse per la conoscenza storica ed archeologica di un territorio, la Daunia, che ormai può vantare un’importanza sempre più crescente nell’ambito degli studi e della ricerca.

225365_4606685326184_1669711267_n Continue reading

Resoconto della campagna di Scavi alla fortezza da parte del dott. Muntoni

Sul sito della Direzione Generale alle Antichità è apparsa la scheda anticipata dal dott. Muntoni al convegno romano presso l’Istituto Storico Germanico. Queste preliminari informazioni ci permettono di avere comunque un’idea sui ritrovamenti e sulle ipotesi che saranno alla base della pubblicazione che si spera vedrà la luce in tempi brevissimi.

Una delle fotografie della scheda

Tra le cose interessanti balza subito all’occhio la scoperta di diverse sepolture con corredo che pare siano del periodo Tardoantico, tra cui anche i resti di un individuo infantile. Inoltre sono stati indagati sia il livello angioino, con la messa in sicurezza dei resti dei cd. Casoni Angioini, fino ad arrivare al periodo Tardoantico. La domanda che poniamo è: ma il periodo svevo? In quell’area è mai possibile che non ci sia stata qualche pertinenza del palatium di Federico II? Sarebbe interessante indagare in tal senso.

Ma ora vi lasciamo alla lettura della scheda con i primi dati forniti dalla Soprintendenza.

SCHEDA : http://www.archeologia.beniculturali.it/index.php?it/142/scavi/scaviarcheologici_4e048966cfa3a/190

Infine vorremmo fare un’ultima riflessione: non sarebbe auspicabile, prima di ciascun progetto fantasmagorico nei luoghi chiave della storia di Lucera – stiamo pensando all’anfiteatro, ai cappuccini – effettuare indagini archeologiche? E spingiamoci oltre. Visto che tutto l’agro di Lucera, da Monte Albano fino alla Contrada il Seggio – e non solo – probabilmente custodiscono ancora tesori inestimabili, non sarebbe il caso di indagare, prima di costruire sui luoghi che potrebbero risollevare un’intera città?

Alessandro De Troia

Intervento della Soprintendenza sulle mura romane

Apprendiamo con molto piacere dal dott. Italo Maria Muntoni,  presente al Convegno Internazionale a Roma organizzato dall’Istituto storico Germanico, che la soprintendenza a seguito delle segnalazioni dei cittadini di Lucera, domani 18 maggio effettuerà un intervento di recupero sul tratto murario di epoca romana da cui pochi giorni fa si era staccato un blocco di arenaria.

Auspichiamo che questo sia l’inizio di un percorso di tutela più ampio che comprenda l’imposizione del vincolo archeologico e magari un intervento di restauro conservativo.

Alessandro De Troia

Lettera all’amministrazione Comunale sugli scavi all’interno della fortezza

Riceviamo e pubblichiamo la lettera del movimento “Riscrivere la Storia in dissesto, il castello di Lucera” in collaborazione con l’associazione “Luc’era c’è”, inviata all’amministrazione Comunale per chiedere lumi sull’attuale situazione degli scavi partiti nel settembre dello scorso anno:

Al Sindaco del Comune di Lucera
dott. Pasquale Dotoli

all’assessore alla cultura
dott. Costantino Dell’Osso

all’assessore al turismo
dott. Giacomo Capobianco

Il giorno 8 di settembre 2011 è iniziata, nell’area dei casoni angioini all’interno della fortezza svevo-angioina   di   Lucera,   un’indagine   archeologica   condotta   dalla   soprintendenza   per   i   beni archeologici della Puglia. Lo scavo, sarebbe dovuto essere preliminare alla “ricostruzione” dei pseudo-casoni angioini. Continue reading